Precisazione su servizio televisivo circa “l’adeguamento della Diga di Levane e delle opere connesse” andato in onda il 2 marzo 2021 durante la trasmissione “Fuori dal coro”

Precisazione su servizio circa “l’adeguamento della Diga di Levane e delle opere connesse” andato in onda il 2 marzo 2021 su Rete4 nell’ambito della trasmissione televisiva “Fuori dal coro”

 

Nel corso della trasmissione in oggetto, è stato mandato in onda un servizio che, partendo dai disastrosi eventi alluvionali che interessarono la Città di Firenze nel 1966, ha chiamato in causa questo Ministero in merito a presunti ritardi e inadempienze che impedirebbero l’avvio dei lavori di “Adeguamento della Diga di Levane e delle opere connesse”.

La diga di Levane, realizzata negli anni ’50 per scopi idroelettrici, irrigui e di rifornimento idrico, è ubicata in comune di Montevarchi (AR), nell’alta Val d’Arno. Il bacino da essa sotteso, contribuisce, inoltre, alla laminazione delle piene dell’Arno.
 
Nel servizio sopra citato è stato affermato, tra l’altro, quanto segue: “…dal 1966 qui si attende l’innalzamento degli argini della diga, un progetto pensato proprio per ridurre il rischio di una nuova tragedia…”, “…nel 2015 il primo progetto e pure qui è ancora tutto fermo…”, “…25 milioni di euro, tanto costerebbe l’innalzamento per ridurre i rischi idrogeologici…”, “…dal 2010 ad oggi la Toscana ha firmato accordi con il Ministero dell’Ambiente, che ha stanziato 293 milioni di euro; 54 milioni, però, sarebbero fermi nei cassetti. Il motivo? Dal 2016 si attende la convocazione di un Comitato d’Indirizzo (da parte del Ministero), che dovrebbe sbloccare questi fondi”.
 
Nel merito di quanto portato all’attenzione dell’opinione pubblica, è necessario chiarire che con il DPCM del 15 settembre 2015, fu approvato il cosiddetto “Piano stralcio per le aree metropolitane e le aree urbane con alto livello di popolazione esposta al rischio alluvioni”.
Nella Tabella C allegata al suddetto decreto, riguardante la cosiddetta “area programmatica”, composta da interventi di mitigazione del rischio idrogeologico ritenuti prioritari, ma privi di copertura finanziaria, figura l’intervento denominato “Adeguamento della Diga di Levane e delle opere connesse”, d’importo complessivo pari ad euro 25 milioni ed importo richiesto di euro 16,750 milioni.
Nell’ambito delle attività di programmazione del Fondo per la progettazione di interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico svolte dalla Direzione Generale per a sicurezza del suolo e delle acque (SuA) del ministero dell’Ambiente, la Regione Toscana, con nota prot. n. 16156 del 06/08/2018, chiese l’esclusione dal finanziamento della progettazione fino al livello esecutivo dell’intervento in questione, facendo presente che la medesima progettazione sarebbe stata sostenuta con risorse regionali.
Più recentemente, nella fase preparatoria della programmazione delle risorse destinate al finanziamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico, condotta dalla Direzione SuA nell’anno 2019, è stata inviata alla Regione Toscana la nota prot. n. 7767 del 19/04/2019, con la quale sono stati richiesti i fabbisogni e le proposte da inserire a finanziamento, a tal fine allegando, tra l’altro, anche l’elenco degli interventi ancora non finanziati, ricadenti nell’area programmatica del DPCM “Aree metropolitane” che ricomprendeva l’intervento sulla Diga di Lèvane.
La Regione Toscana non ha inserito detto intervento nella propria proposta, trasmessa con nota Prot. n AOOGRT_0221802 del 31 maggio 2019.
Nelle ulteriori attività di programmazione e finanziamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico condotte da questo Ministero, nell’anno 2020 è stata inviata alla Regione Toscana la nota prot. n. 56244 dell’8 luglio 2020, con la quale si sono nuovamente richiesti i fabbisogni e le proposte da inserire a finanziamento, allegando nuovamente l’elenco degli interventi ancora non finanziati, ricadenti nell’area programmatica del DPCM “Aree metropolitane” tra i quali risultava ancora presente l’intervento della Diga di Levane.
La Regione Toscana, anche in questa occasione, non ha inserito detto intervento nella propria proposta, trasmessa con nota prot. n. AOOGRT_0251751 del 20 luglio 2020.
Da ultimo, nell’ambito delle attività di programmazione delle risorse afferenti al Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza, avviate da questo Ministero secondo le prime indicazioni fornite dalla Presidenza del Consiglio sul Recovery Fund, la Regione Toscana, con nota registrata al protocollo MATTM n. 75962 del 30/09/2020, ha fatto pervenire, tra le altre, la richiesta di finanziamento dell’intervento riguardante la Diga di Lèvane, per un importo di euro 16,750 milioni.
Si evidenzia, in conclusione, che l’intervento in parola, a tutt’oggi, non è stato finanziato da questo Ministero e che, pertanto, non vi sono risorse da “sbloccare”. La progettazione dello stesso intervento risulta in corso, a cura e spese della Regione Toscana che, peraltro, sin dall’origine si è fatta carico di una quota parte del costo dell’intervento, pari ad € 8,250 milioni. Infine, il riferimento all’attività del Comitato d’Indirizzo e Controllo, organismo istituito nell’ambito degli Accordi di Programma, è del tutto immotivato, trattandosi, nella fattispecie, di un intervento non compreso in alcun Accordo.
Pertanto, appare manifesta l’infondatezza delle informazioni diffuse nel corso della trasmissione televisiva citata in oggetto, riguardanti presunte inerzie di questo Ministero che pregiudicherebbero il rapido avvio dell’intervento in epigrafe.

 

 
 

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO DALLA FONTE

Condividi contenuto

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri contenuti in Rassegna

CONTATTACI

Inviaci la tua richiesta e ti contatteremo appena possibile

Contatto Telefonico

+39 085.9047212

La sicurezza alimentare non è solo una caratteristica del prodotto ma il frutto dell’ingegneria dei processi di produzione, confezionamento e distribuzione nella filiera. La nostra consulenza è completa e fattiva durante l’intero percorso e nel dettaglio riferita a:

Etichette alimentari -Visto si stampi: realizzare un’etichetta legale

Servizi per l’esportazione: Etichettatura estera, Food Safety Plan e PCQI

Pacchetti HACCP personalizzati

Certificazioni Volontarie (BRC, IFS, ISO 9001, FSSC 22000); Certificazione BIO; Certificazione Vegan; certificazione Halal

Audit di seconda parte

Miglioramento di Tecnologie, Produzione, R&D

Gap Analysis

Conformità MOCA

Sicurezza Agroalimentare

Esperienza pluriennale nell’ambito della consulenza ADR per pianificare e garantire la sicurezza del trasporto di merci e di rifiuti pericolosi su strada.  La complessa ed ampia materia prevede il trasferimento di specifiche competenze anche alle figure degli operatori coinvolti: imballatore, speditore, riempitore, trasportatore, addetto al controllo in accettazione. Il nostro Studio può offrire supporto alle imprese per adempiere alla normativa, con audit, formazione e procedure operative.

Esperienza pluriennale per l’espletamento delle pratiche di Prevenzione Incendi: Domanda di esame progetto al fine di ottenere il parere di conformità, Domanda di sopralluogo per il rilascio del CPI, Dichiarazione di inizio attività

Consulenza ADR e Antincendio

Controllo prescrizioni autorizzative, gestione delle scadenze ambientali, assistenza nell’attuazione di prescrizioni in seguito ad Ispezione ambientali/sopralluoghi di organi di controllo, pianificazione dei monitoraggi, attribuzione codici EER, supporto alla compilazione FIR e registri di carico e scarico, MUD e O.R.SO. (Osservatorio Rifiuti), pratiche per spedizioni transfrontaliere, verifica della fattibilità per nuovi impianti, formazione operativa, anche on line e personalizzata per i vari livelli di inquadramento delle risorse umane.  

Gestione Adempimenti Ambientali

Lo Studio si occupa di Alta Formazione su tematiche inerenti la normativa Ambientale, trasporto merci pericolose su strada, Agroalimentare, modelli organizzativi di impresa, Sistemi di Gestione Aziendale.  

Corsi di legislazione ambientale per imprenditori, quadri, responsabili gestione ambientale, personale operativo. Corsi su misura per singole organizzazioni per implementazione ISO 14001 e OHSAS 18001, compliance ADR, Corsi di strategia ambientale per il posizionamento del marchio e del servizio, Marketing e comunicazione ambientale d’impresa, modelli organizzativi.

Formazione

Pianificazione e interpretazione delle misure strumentali e indagini analitiche per la rappresentazione del livello di qualità delle matrici ambientali nel sito, delle prestazioni di processo, di prodotto, delle caratteristiche dei luoghi di lavoro. Consulenza per i laboratori di prova, per la progettazione di sistemi ISO 9001/17025. Analisi della appropriatezza delle metodiche UNI alla prova, verifica di attendibilità del campionamento

Analisi, Autocontrolli e indagini strumentali e qualità dei laboratori di prova

Competenza, passione ed esperienza pluriennale, per committenza sia Privata che Pubblica, nell’ambito della progettazione ed esecuzione delle indagini preliminari, caratterizzazione, Analisi di rischio sanitario- ambientale, progetti operativi di bonifica di siti contaminati, direzione lavori e monitoraggio sino a certificazione di collaudo, riqualificazione urbana di brownfields, dragaggi e opere marittime, con partners.

Bonifiche e Riqualificazione siti contaminati

Consulenza, progettazione, redazione della documentazione e assistenza durante il procedimento amministrativo per l’ottenimento di Provvedimento Autorizzativo Unico Regionale (P.A.U.R), Studi di Impatto Ambientale (S.P.A, V.I.A.), Valutazione Ambientale Strategica di Piani e programmi (VAS), Autorizzazione integrata ambientale (A.I.A.), Autorizzazione Unica (ex art. 208 D.Lgs. 152/06 e s.m.i.), Procedura Semplificata per il recupero rifiuti (ex artt. 214-216 D. Lgs. 152/06 e s.m.i.), Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.) per emissioni in atmosfera, scarichi, rumore, studio di ricaduta impatto odorigeno, Iscrizione Albo Nazionale Gestori Ambientali per tutte le categorie, assunzione responsabilità tecnica per impianti di trattamento rifiuti, bonifiche siti contaminati, intermediazione e trasporto rifiuti.

Consulenza e Progettazione pratiche per ottenimento autorizzazioni ambientali

Il progetto viene coordinato dallo studio di fattibilità e bancabilità fino all’esecutivo, dalla selezione dei fornitori, alla preparazione del cantiere, dalla direzione lavori al collaudo e gestione dell’impianto: seguiamo tutte le pratiche amministrative, burocratiche e tecniche, offrendo garanzia in termini di qualità, tempi di esecuzione e performance.

Sviluppiamo sistemi di economia circolare, per il recupero di materia, produzione di biometano, intercettando le esigenze dinamiche del mercato sotto il profilo dell’inquadramento normativo,  costruttivo, delle best practices e della sicurezza.

Progettazione piattaforme di gestione rifiuti

Prevenzione, Inquinamento, danno ambientale, responsabilità d’impresa: da oltre 20 anni abbiamo sviluppato una competenza trasversale di carattere tecnico ma con un compiuto inquadramento giuridico del caso. Forniamo alle imprese perizie specialistiche e assistenza nei procedimenti penali, nelle trattative contrattuali, in percorsi merge & acquisition, in sede Arbitrale, in sede di responsabilità amministrativa degli Enti secondo Modelli 231/01, nei rapporti con la Pubblica Amministrazione.

Assistenza tecnico legale

Aurelio Mazziotti

Technical Designer

Davide Fierro

Geologo

Annalisa Brandelli

Coordinatrice Attività

Anna Lisa Brandelli

Coordinatrice Attività

Aurelio Mazziotti

Technical Designer

Geometra

Rilievi, attività di disegno tecnico (CAD).

Analisi cartografia e documenti di  pianificazione territoriale.

Supporto nella gestione dei cantieri di bonifica e di realizzazione infrastrutture.

Aggiornamento normativo.

Adempimenti e registrazioni ambientali.

Davide Fierro

Geologo

Relazioni geologiche e idrogeologiche.

Progettazione bonifiche e gestione cantieri di bonifica.

Analisi cartografia e documenti di  pianificazione territoriale.

Utilizzo GIS.

Rilievi fotografici con drone

Anna Lisa Brandelli

Coordinatrice Attività

Ingegnere Civile.

Pianificazione attività di studio.

Progettazione e servizi di permitting ambientale, tra cui Valutazioni di Impatto ambientale, AIA, AUA.

Progettazione e implementazione Sistemi di Gestione Aziendali.

Perizie.

Progettazione antincendio.

Responsabile Tecnico per la gestione delle bonifiche.

Auditor Ambiente e Qualità.

Formatore.